Elisabetta Canalis, sotto la giacca niente. In giro in topless: le foto mostrano tutto

Elisabetta Canalis, ormai su Instagram anche nota come @littlecrumb, ha momentaneamente abbandonato la californiana ‘città degli angeli’, per immergersi nella fashion week milanese. L’ex velina sta girando tutta la capitale della moda, saltando da una sfilata all’altra, in compagnia di molti amici e amiche di vecchia data. Tramite Ig stories rende tutti i due milioni e mezzo di follower partecipi del suo soggiorno.

elisabetta canalis foto milano fashion week

Dopo la prima intensa giornata, fitta di appuntamenti, Elisabetta Canalis si è mostrata avvolta in un misero asciugamano bianco, mentre si stava concedendo un massaggio rilassante, poi la sera mangiava cibo giapponese, in simpatica compagnia. Anche se presa dagli impegni mondani, Elisabetta ha anche trovato tempo per dedicare un pensiero al suo carissimo compagno di risate americane: Tiziano Ferro… L’outfit che la sex-symbol sfoggia il secondo giorno, nel capoluogo lombardo, è da letteralmente mozzare il fiato.

elisabetta canalis foto milano fashion week
elisabetta canalis foto milano fashion week

Elisabetta Canalis accumula fascino e consapevolezza negli anni. La showgirl sa bene come valorizzarsi e per le date modaiole ha selezionato un look davvero vincente. L’ex del baldo George Clooney ha portato il sole, per le grigie strade di Milano, con un tailleur over size che indossa come una vera dea. La brillante fantasia dorata, con le sue curve a suon di pennellate preziose, valorizza la carnagione scura della bellezza sarda e il fondo bianco la illumina ulteriormente…

Al di fuori dei tecnicismi stilistici c’è un dettaglio a far da protagonista: sotto alla giacca dai toni maschili Elisabetta Canalis indossa un top di retina trasparente. Ogni falcata provoca un infarto nei passanti, perché rivela il décolleté della star, come mamma bruna lo ha fatto. Solo una donna sicura della propria femminilità può portare un capo del genere, senza scadere nel volgare. Elisabetta raccoglie solo più raffinatezza con uno stile simile, e poi, si sa, alla settimana della moda mica si può esordire tra le passerelle in modi banali.

elisabetta canalis foto milano fashion week

La vamp hollywoodiana fa evidentemente dell’ironia con la frase che scrive nella didascalia: “Cosa mangiate stasera? What u gonna eat tonight?”…. Come se importasse a qualcuno, davanti a tanta prosperosità scatta un altro tipo di fame. I follower, sia uomini che donne, sono totalmente estasiati e tra lingua inglese e italiana il messaggio nei commenti è sempre lo stesso…

elisabetta canalis foto milano fashion week
elisabetta canalis foto milano fashion week

elisabetta canalis foto milano fashion week

Elisabetta Canalis è un sogno ad occhi aperti. “che donna di classe”, “Io vorrei mangiare con te e comincerei da sotto la maglietta trasparente…”, “mangerei te!”, “nella prima foto ti ho scambiata per Jlo!”, “La più f**a da sempre”, “mangiamo le bombe!”, “ho avuto un mancamento”, “Chapeau”, “Capolavoro assoluto, finalmente ‘the body’ è in città”, “essere sexy pur essendo vestita”, “bellezza incontenibile”. Tutte affermazioni comprensibili, eppure qualcuno sente il bisogno di dissentire…

View this post on Instagram

Milano fashion week day 2 @maxmara 💫

A post shared by Elisabetta Canalis (@littlecrumb_) on

Incredibile crederci, ma tra il trionfo di apprezzamenti, le invidiose hanno avuto il coraggio di irrompere, ma le argomentazioni esposte non sembrano molto convincenti… “Tu sei bellissima, ma l’abito nemmeno se me lo regalano! Mamma mia che brutto!”, “Bocciatissima Ely”, “Semmai dovevi scrivere cosa mi cucinano gli altri per cena stasera?”, “ridicola”, “Questo outfit non ti valorizza”, “bruttissimaaaa”, “brutto completo”, “non è una cosa normale, la vecchiaia fa brutti scherzi… Tuo marito cosa ne pensa?!”. Sì, certo, come no… L’outfit di Elisabetta Canalis sarà pure brutto, ma addosso a voi semmai. Per chi ancora non si sente soddisfatto, la venere sarda ha pubblicato anche un video con il look incriminato.

Emily Ratajkowski da SOS. L’abito c’è, ma è come non averlo