Esercizi efficaci per sostituire i classici addominali

Chi è che non ha mai fantasticato sull’avere un ventre piatto e scolpito? I modelli televisivi e quelli nelle copertine ci ispirano a puntare ad un certo target di bellezza, ma gli esercizi per gli addominali non sono tra i più amati.
In quetso articolo vi mostriamo degli esercizi che possono aiutarvi ad avere un addome piatto senza dover ricorrere ai classici esercizi che tutti conoscono.

Se la palestra non fa per voi , niente vi vieta di comprare un tappetino e svolgere gli esercizi a casa, con i vostri tempi e i vostri spazi. Importante in questi caso, per vedere dei risultati è mantenere una dieta equilibrata e sana. Un gruppo di allenatori ha pensato ad un programma composto da 7 esercizi che possono essere svolti in 40 minuti e che bisogna ripetere 3 volte alla settimana. Disponiti in spazi ampi e ventilati durante le prime ore del giorno, e ricordati di effettuare lo stretching finale.

  • ESERCIZIO 1 Salire le scale: Se non avete le scale in casa potete usare uno sgabello basso o uno step. L’importante è che si vada ad un ritmo spedito e senza fare pause. Ripetete il movimento dai 15 ai 20 minuti per bruciare circa 200 calorie. Mantenere la schiena dritta in ogni momento.
  • ESERCIZIO 2 Squat:  Le contrazioni del ventre che si realizzano grazie agli squat sono perfette per renderlo piatto. Per ogni 100 squat si perdono circa 300 calorie. Tenete la schiena ben dritta aiutandovi con un bastone della scopa dietro la schiena. Aprite le gambe secondo l’ampiezza del vostro bacino e flettete le ginocchia più che potete. Mantieni la postura per qualche secondo e poi risali lentamente. Non fatene meno di 50 ogni giorno. Col tempo aumentatene il numero, o aggiungete un peso.
  • ESERCIZIO 3 Esercizio con balance board: Con questo esercizio effettuerete contrazione-stiramento senza curvare o flettere troppo la colonna vertebrale. Si colloca una tavola su un pallone, o uno strumento da palestra chiamato balance board, che diventa il punto di appoggio delle mani mentre si fanno delle flessioni.
  • ESERCIZIO 4 Fitball : Si possono mettere in atto molti esercici. Sdraiatevi a pancia in giù sulla palla, stendete le braccia e appoggiate le mani a terra. Realizzate delle flessioni mantenendo distese le gambe. Altrimenti effettua un plank poggiando le gambe sulla fitball, o altrimenti sdraiati a terra, poggia le gambe sulla fitball e esegui delle ripetizioni alzando e abbassando il bacino.
  • ESERCIZIO 5 Scalatore: Si tratta di un esercizio che permette di far lavorare i muscoli obliqui. Consiste nel portare avanti ed indietro le gambe, come se si stesse scalando, mentre ci si sostiene con i palmi delle mani sul pavimento. Inoltre, apporta una maggior resistenza addominale e stabilità mentre mantiene sana la schiena bassa.
  • ESERCIZIO 6 Sollevamento delle ginocchia: questo esercizio chiamato crunch reverse, fa lavorare il ventre basso mentre si contrae. Può essere un po’ difficile all’inizio, ma poco a poco solleverete di più le gambe. L’importante è non portare il busto in avanti.
  • ESERCIZIO 7 Plank: E’ un esercizio statico e consiste nel fare in modo che le dita dei piedi, i gomiti e gli avambracci si incarichino di supportare tutto il peso del corpo. Il maggior lavoro lo realizzeranno gli addominali nel mantenere il busto in posizione. Con 3 ripetizioni da 60 secondi per 3 giorni alla settimana sarà come se steste realizzando quasi 1000 addominali. Niente male, vero? I passaggi da seguire sono:Mettersi nella stessa posizione delle flessioni: pancia sotto, gambe distese e dita dei piedi che toccano terra. Flettere i gomiti e unire gli avambracci davanti alla testa. Appoggiarsi sul materassino in modo che le mani o i pugni si trovino l’uno davanti all’altro. Abbassate la testa fino a circa 30 cm dal livello del pavimento ed inclinatela verso il basso. Le uniche parti che entreranno in contatto con il pavimento sono la punta dei piedi, i gomiti, gli avambracci e le mani o i pugni. Mantenete questa posizione per circa 1 minuto. Recuperate e ripetete l’esercizio altre due volte.
Seguici anche su Facebook per non perderti nessun aggiornamento: