Rodrigo Alves, complicazioni per il Ken umano: “Una parte del corpo sta collassando”

Guai in vista per Rodrigo Alves, meglio conosciuto come il Ken umano. La strana aspirazione di trasformarsi, il più fedelmente possibile, nel famoso fidanzato di Barbie inizia nel 2004. Rodrigo, originario di San Paolo, nasce nel 1983 e provenendo da una famiglia benestante, dispone dei giusti liquidi per coronare il suo curioso sogno. Il costo? Circa mezzo milione di euro. Le conseguenze, però, incominciano a presentarsi, pare che il suo naso si stia ribellando.

rodrigo alves interventi ken umano problemi naso

“Ho dovuto essere all’altezza delle aspettative della gente, ed oggi mi rendo conto che, nonostante i miei sforzi e il mio corretto stile di vita, non sono mai stato completamente felice”. Solo le parti intime e le mani sono rimaste le originali, tutto il resto è frutto di quel sogno in plastica, di cui ora Alves inizia a pentirsi, il corpo non regge più, anche perché l’entusiasmo è scemato. Rodrigo è maturato ed inizia a rendersi conto che forse nella vita c’è ben altro. Purtroppo qualcosa di grave interrompe le sue considerazioni. Il suo naso “sta collassando”.

rodrigo alves interventi ken umano problemi naso

rodrigo alves interventi ken umano problemi naso

Gli appuntamenti con i medici ricominciano, nella speranza di combattere la reazione negativa del suo corpo, stressato e portato al limite. Negli ultimi 15 anni si è sottoposto a 58 operazioni chirurgiche, di cui ben 22 pericolose liposuzioni, aggiungendoci anche un centinaio di trattamenti estetici. Rodrigo è laureato, ha ereditato dai nonni finanze e molte proprietà che affitta, riuscendo così a guadagnare senza dover lavorare. Il fatto che rischiasse ogni volta la vita non era un segreto per l’aspirante Ken che ha continuato con determinazione a salire la ripida scalinata per diventare come il marito della bambola più famosa al mondo.

“Io ho 36 anni e non voglio più essere magro. Sto cercando di ridimensionarmi e di circondarmi di persone che mi amano per quello che sono e non per come mi vedono”. Alves incomincia a sognare una vita normale, lontana dalle falsità e le apparenze che prima lo circondavano, solo per interessi. Riuscirà a tornare indietro, per quanto possibile sia, per apprezzare nuovamente la semplicità della vita, amandosi per ciò che è? Il primo desiderio, certamente, è quello di raggiungere la salute, oggi in grave pericolo.

Francesca Cipriani mostra le sue ‘grandezze’ tra le strade di New York