Come funziona la dieta Plank per perdere peso

Se ne parla da tempo, ma cosa è davvero la dieta Plank? In pratica si tratterebbe di un sistema di calo ponderale, da utilizzare solo per 2 settimane, al termine delle quali si dovrebbe concludere un dimagrimento fino a 9 chilogrammi. Dopo questi 14 giorni, il peso dovrebbe rimanere costante per circa 3 anni, grazie alle modifiche di natura metabolica imposte all’organismo. Quasi tutti quelli che l’hanno fatta confermano di fatto che la perdita di peso alla fine delle due settimane è reale e che essa si aggira fra i 6 e i 9 chilogrammi persi, in base alla meticolosità con cui si segue la tabella. Insomma, la Plank dura 2 settimane, ed attenendosi scrupolosamente alle sue indicazioni si possono perdere fino a 9 chili, ovviamente il rendimento dipende anche dal punto di partenza ed i risultati sono direttamente proporzionali al grado di “sovrappeso” iniziale. Ideale da fare una volta all’anno, e non di più, per mantenersi in forma. Una premessa fondamentale prima di iniziare la dieta è stare in buona salute e chiedere consiglio al medico se siete indecisi o se avete qualche problema di salute.

I risultati sono certi, ovviamente non tutti arriveranno a perdere 9 kg in due settimane, c’è chi ne perde solo 5 o 6 o chi ne perde addirittura 10, dipende ovviamente da come seguirete la dieta e dall’attività fisica che svolgerete. Ma occhio, bisogna fare attenzione perché i primi giorni della dieta sono molto ferrei e si basano prevalentemente su proteine e fibre e poco su altri alimenti. Per ottenere i risultati sperati dovete seguire alla lettera la dieta, quindi se si parla di uovo sodo dovete mangiare uova sode e non uova fritte o frittata. Volete sapere come funziona? Consiste in un regime alimentare iperproteico e quasi completamente privo di carboidrati e fibre. La caffeina, invece, la fa da padrona.

I condimenti sono vietati, come lo zucchero, i dolcificanti, l’alcool e tutte le bevande gassate ed è vietato è anche cambiare anche uno solo degli alimenti con un altro. I grassi vegetali sono quindi inesistenti mentre quelli animali sono inclusi nella carne e nel pesce. Una dieta che costringe l’organismo ad attivare esclusivamente il metabolismo proteico per produrre energia e mettere in moto, quindi vie enzimatiche e processi energicamente dispendiosi. Inoltre la dieta Plank include una grande quantità di uova considerate erroneamente controindicate per chi soffre di colesterolo.

La dieta Plank si rivela quindi iperproteica e permette di assumere alimenti quali: uova; pollo; bistecche; carote; insalate poco condite con olio, poco limone, poco sale; caffè amaro. Durante la dieta Plank è consentito bere solo l’acqua naturale. Non si deve assolutamente usare zucchero (saccarina e simili) e non apportare variazioni del tipo “non mi piace l’uovo… mangio altri tipi di proteine.” Per seguire la dieta Plank vi suggeriamo di seguire la scheda, ma solo dopo aver sentito il parere del vostro medico.

Seguici anche su Facebook per non perderti nessun aggiornamento: