“L’ho pagata cara”. Simona Ventura non lo nasconde: “E so anche perché…”

Simona Ventura, recentemente tornata in auge in veste di conduttrice grazie alla trasmissione Games of Games, non sembra aver convinto i telespettatori. Il suo atteso rientro sul piccolo schermo da tempo costituiva un grande appuntamento. Specialmente per il periodo oscuro che ha dovuto passare la bella conduttrice.

Sebbene le sia stato garantito uno spazio che doveva rivelarsi adeguato e di successo, dunque, Simona Ventura non ha impressionato come in passato. Sembrano lontane le sue conduzioni dotate di fasto, freschezza ed empatia che da sempre hanno caratterizzato il suo modus operandi.

simona ventura game of games lavoro televisione

Recentemente, proprio in concomitanza del ritrovato spazio tv, Simona si è lasciata andare in una lunga intervista a Grazia. L’argomento principale era il momento difficile che da un po’ di tempo a questa parte si è trovata ad affrontare, tra distanza dalle telecamere e sofferenza dettata dal Covid.

simona ventura game of games lavoro televisione

“Forse, per questo mio modo di condurre sono stata considerata scomoda, poco controllabile”, ha dichiarato Simona Ventura in riferimento all’abbassamento di considerazione, e in risposta alla domanda su quali difetti si portasse dietro nel suo ruolo. “E l’ho pagata. Ma rifarei tutto”. La conduttrice si è poi detta felice di avere le redini di un programma come Games of Games, perché a suo avviso è una trasmissione in cui conta davvero la conduzione.

Nella lunga intervista concessa a Grazia si è poi aperta in merito al modo in cui cerca di approcciarsi alle delusioni. La specifica necessaria è stata quella in merito al suo mondo lavorativo. In televisione, infatti, le delusioni sono all’ordine del giorno. “Non penso al passato. Le cose fatte sono andate, il tempo è prezioso, ignoro chi può avermi ferita. Guardo avanti”. Malgrado le intimità angoscianti, tuttavia, nella sua solita schiettezza Simona Ventura ha mostrato una convinta sicurezza nel ritrovato ruolo alla conduzione.

Games of Games sembra aver lasciato l’amaro in bocca a molti dei telespettatori. La ventata di leggerezza che la trasmissione si preponeva di donare non è stata pienamente colta, a prescindere dal valido cast. Sara Croce. Omar Fantini. The show. Juliana Moreira.

simona ventura game of games lavoro televisione

I risultati non erano stati dei migliori fin dall’inizio. 1.267.000 spettatori, equivalenti al 5,1 per cento di share. Simona Ventura, prontamente interrogata in merito, aveva dichiarato di voler commentare a fine trasmissione. Il prosieguo della seconda serata, però, non è stato consolatorio.

Un abbassamento al 3,7 per cento di share, per circa 915mila spettatori, ha dato conferma di un fallimento (temporaneo) sempre più drastico. In difesa si deve far notare come la concorrenza di questo avvio di programma sia stata delle peggiori con cui confrontarsi. Il caso Denise Pipitone a Chi l’ha visto e i vari match di Champions League, hanno dato filo da torcere a Simona.

Ad aggravare la già delicata situazione, inoltre, si è aggiunto il malcontento degli spettatori. In molti non la considerano adatta per quel programma, e in molti altri non fanno che ripetere quanto sia necessario un suo ritorno a capo de L’isola dei famosi. “Troppa confusione, ma che roba è?”. “Non sei proprio adatta al programma”. “Programma orrendo, proprio no”. Questi i torni accusatori che emergono da Instagram. Un piccolo passo è stato compiuto, ma gli antichi fasti di Simona restano lontani.

Simona Ventura, il compagno Giovanni Terzi: “Ho un’altra malattia e ora anche il Covid”

“Era da prevedere”. Chi l’ha visto, cosa è successo per il caso Denise Pipitone

Barbara D’Urso via da Mediaset? La decisione: cosa cambia nella tv italiana (domenica compresa)

Seguici anche su Facebook per non perderti nessun aggiornamento: